Logo Loading

Blog

Gli entusiasti

Chi sono gli entusiasti? Sono quelli che pur non avendo mai provato a fare e-commerce, al primo colloquio promettono: se funziona chiudo tutto e vendo solo su internet.

E’ un’idea che si basa su un presupposto sbagliato, che vendere su internet sia a costo zero o almeno senza costi fissi.

Nella realtà i costi ci sono perché non si può prescindere da uno spazio fisico per immagazzinare e preparare le spedizioni; ci sono il costo degli imballaggi, il costo dei servizi telefonici e di internet, le commissioni che vengono trattenute dai marketplace, le spese di advertising, etc. 

Semplicemente il modello di business è diverso.  Inoltre o sviluppi internamente le competenze per poter essere efficacemente su internet oppure devi rivolgerti a professionisti che comunque hanno un costo.

Senza considerare il costo della formazione perché nessuno “nasce imparato” e vendere su internet comporta conoscenze anche di relazione con clienti di tutto il mondo.

Pensare di avere come mercato tutto il mondo si scontra con limiti anche linguistici. Benché gli strumenti di traduzione automatica siano sempre più efficienti la non conoscenza delle lingue limita l’attività.

Pensare di chiudere la propria attività fisica per trasferirsi armi e bagagli su internet non è così immediato come si può pensare.

Quando faccio notare questi aspetti “gli entusiasti” non sono completamente convinti e pensano che noi vogliamo limitare l’accesso di altri potenziali concorrenti. O, quando siamo fornitori di servizi, pensano che noi vogliamo imporre la nostra consulenza.

Il problema è che poi qualcuno ci prova da solo,  il sistema non funziona e non ha la modestia di ammettere l’errore. Pensa che internet semplicemente non sia adatto al proprio mercato. E nel frattempo magari lascia macerie virtuali della propria presenza su internet. Sarà capitato anche a voi di trovare siti abbandonati, social dimenticati fermi agli auguri di Natale di 3 anni fa. E questo va anche a inficiare la reputazione reale di un’impresa. Che cosa possiamo pensare di una attività il cui ultimo post su FB é appunto per gli auguri di Natale di 3 anni fa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.